Castello di Książ

12 settembre 2015

Il terzo castello più grande della Polonia

Costruito in Slesia, tra il 1288 e il 1292, il castello di Książ è il terzo castello più grande della Polonia, e sicuramente anche il più spettacolare. Nato come fortezza difensiva per volere del duca Bolko I, nel corso del tempo, a causa dei numerosi passaggi da una famiglia all’altra, è stato sottoposto a diverse distruzioni e ricostruzioni, secondo altrettanti stili artistici e architettonici, ancora perfettamente distinguibili tra loro.

Oggi il castello ospita un hotel di lusso in cui, oltre a soggiornare, è possibile organizzare eventi e serate, un luogo quindi ideale sotto molti punti di vista per concedersi una vacanza da sogno e fuori dal comune.

In principio rocca medievale, l’edificio subì il suo primo sostanziale cambiamento nel Quattrocento, durante il regno boemo di Mattia I Corvino; a questa prima ristrutturazione sopravvisse soltanto il maschio del castello, la sua componente medievale più riconoscibile.

Fu grazie alla famiglia Hochberg, che ereditò Książ successivamente, che la fortezza assunse l’aspetto di un vero e proprio castello.

Letteralmente sommersa dal verde del bosco che la avvolge, e da cui emergono il maschio e le due grandi torri laterali, la dimora si presenta come imponente, regale e maestosa, uno straordinario palazzo collocato a ridosso del fiume Pelcznica, che incornicia lo scenario in modo innegabilmente peculiare e spettacoloso.

Impossibili da non notare le moltissime fusioni racchiuse dal castello, fusioni che abbracciano geometrie, architetture, colori e materiali differenti. Questa commistione di elementi gli ha fruttato la fama di costruzione barocca, ma gli amanti dell’arte certamente non concorderanno: questo castello non rientra propriamente nei canoni tracciati dal barocco, è molto di più. In esso convivono strutture medievali, influenze orientali e addirittura architetture popolari (sottolineate da alcuni piani in legno), tutte caratteristiche che non sposano il canonico stile barocco universalmente noto, ma che non mancheranno di incantare e rapire coloro che visiteranno il castello.

Degna di attenzione particolare è la Sala di Massimilano, che si colloca nell’ala aggiunta, appunto, da Massimiliano di Hochberg, nel corso del Settecento. Sfarzosa, lussuosa, ricchissima di dettagli raffinati, tra le sue decorazioni si contano preziosi stucchi, abbondanti ornamenti in oro e arredi così pomposi da risultare quasi esagerati. Oggi questa meravigliosa sala è scelta come prestigiosa sede di importanti concerti.

L’enorme parco del castello è un’altra delle ragioni per cui vale la pena di esplorare Książ, in quanto offre ai turisti un’attrattiva di grande impatto, sia visivo che emozionale.

Rimodernato nel Settecento, conta un gran numero di querce e rododendri, mentre le antiche rovine artificiali di un vecchio castello del 1794 costituiscono un diversivo storicamente intrigante per i più curiosi.

Il castello di Książ rappresenta una meta sicuramente suggestiva e affascinante, una tappa significativa nel viaggio di coloro che non si accontentano soltanto di visitare, ma che vogliono esplorare le bellezze della Polonia attraverso un coinvolgente percorso fra natura, storia e arte.

Hotel per Castello di Książ

Trova tariffe economiche | Confronta centinaia di alberghi lowcost