Tropea

15 ottobre 2015

La perla della Costa degli Dei

La piccola cittadina calabrese di Tropea, nella provincia di Vibo Valentia, risplende lungo la Costa degli Dei, una fascia di litorale paradisiaca racchiusa tra Nicotera e Pizzo Calabro.
Le origini di Tropea sono risalenti; la sua fondazione è da alcuni attribuita a Scipione l’Africano, di ritorno a Roma dopo la vittoria su Cartagine, ma non manca chi colloca le sue origini in tempi ancora più lontani, richiamando le popolazioni degli Osci, degli Enotri, dei Brezii Aprustini. E come sempre, tra la storia e le tracce del passato, si fa spazio la mitologia con la sua versione suggestiva ed accattivante. Una leggenda narra che fu il semidio Ercole, di ritorno dalla Spagna, a sostare in queste terre ed a fondare la città per legare ad essa il proprio nome. Piazza Ercole è, d’altra parte, la denominazione attuale della piazza principale, da “Portus Herculis”, come era chiamata nell’antichità.

I periodi più floridi della città furono quello normanno e, a seguire, quello aragonese, durante i quali Tropea divenne porto mercantile di primaria importanza, potenziando le attività commerciali ed i rapporti con i maggiori centri dell’area mediterranea.
La città conserva tracce delle epoche passate nel tessuto urbano e nelle bellezze architettoniche che valorizzano il centro storico, tra i più belli e caratteristici della Calabria.
Visitando la piazza e passeggiando tra i viottoli si possono ammirare le antiche dimore nobiliari ed i palazzetti dai grandi portali in granito e pietra di tufo, respirando un fascino senza tempo.

Tropea è oggi un centro balneare d’eccellenza; il suo mare cristallino, le bianche spiagge, attrezzate con stabilimenti, i villaggi turistici e la ricettività alberghiera, richiamano viaggiatori da ogni parte del mondo.
Un alto scoglio legato alla terraferma, Santa Maria dell’Isola, è visibile in tutto il suo splendore da una terrazza in Corso Vittorio Emanuele, che domina la costa. Il Santuario, un tempo monastero benedettino, come pure la Cattedrale normanna dedicata all’Assunta, ricostruita nel 1163, la Chiesa di San Francesco d’Assisi del XIII secolo, la Chiesa dell’Annunziata, quella dei Liguorini, del Rosario, del Carmine e di San Francesco di Paola, conservano all’interno numerose opere d’arte.

La più suggestiva delle strade della città vecchia è Via Boiano, valorizzata da Villa Braghò, una delle tante dimore patrizie; affianco ad essa si può ammirare il Palazzo Toraldo di Francia, che conserva un prezioso archivio ed una raccolta privata di epigrafi cristiane del IV-V secolo, consultabile su richiesta.

La maggiore attrazione del luogo rimane la bellezza naturalistica della Costa degli Dei, un’alternanza di lunghe spiagge bianche e rocce frastagliate; ci si può accontentare di sostare lungo arenili facilmente accessibili, ma per una vacanza indimenticabile vale la pena munirsi di pranzo al sacco ed avventurarsi a piedi attraverso uno dei tanti impervi percorsi lungo la scogliera che permettono di raggiungere piccole baie di una bellezza indescrivibile. Ciò che troverete laggiù ripagherà la fatica del percorso di andata, e soprattutto di quello che vi aspetterà al momento di andare via, dopo che in quell’angolo di paradiso avrete goduto tutto il giorno di un sole splendente e di un mare incredibilmente trasparente.

Hotel per Tropea

Trova tariffe economiche | Confronta centinaia di alberghi lowcost