Cipro

21 ottobre 2015

Affascinate ed esotica, Cipro, l'isola più grande del Mediterraneo, è un connubio perfetto di architettura antica e paesaggi magnifici. Castelli di epoca crociata circondati da vigneti ed agrumeti, tipici del clima mediterraneo, fanno da cornice ad un meraviglioso mare cristallino. Nella regione di Troodos le montagne offrono viste panoramiche mozzafiato, oltre che la possibilità di visitare splendidi monasteri.

Terza isola del Mediterraneo per estensione, dopo Sardegna e Sicilia, Cipro è anche una delle mete turistiche più amate del “Mare nostrum”. L’isola si trova di fronte a Libano e Siria, nella parte orientale più estrema del bacino marino; la sua bellezza è tale tutto l’anno, ma assolutamente da non perdere in primavera e in autunno, quando il clima è particolarmente mite e piacevole, o ancora tra maggio e giugno, momento ideale per ammirarne la vegetazione in fiore.

Spiagge infinite, in alcuni tratti ancora selvagge, mare limpido e pulito, storia antica che rivive attraverso i numerosi reperti, luoghi protetti dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, cucina deliziosa che fonde sapientemente sapori arabi e mediterranei: tutto questo rende l’isola un’attrattiva irresistibile per milioni di turisti.

Dal 1974, il territorio è diviso tra la Repubblica di Cipro, che occupa i due terzi dell’isola e la Repubblica Turca del nord. La divisione ha portato alla formazione di un sud greco popoloso e sviluppato, ricchissimo di servizi turistici, e un nord sottopopolato e più arretrato ma caratterizzato da una natura ancora selvaggia e generosa, spiagge su cui nidifica la tartaruga Caretta Caretta, resti romani, castelli, chiese e monasteri secolari. Due facce diverse della stessa isola, dunque, ma un unico mare limpido e cristallino tra le cui onde, narra la leggenda, nacque Venere.

Si può partire alla scoperta di Cipro dalla capitale, Nicosia, divisa a metà tra le due Repubbliche. Straordinaria è la città vecchia, tutta circondata dalle mura veneziane del 1567. Le moschee e le cattedrali, le palme, i palazzi con i tipici balconcini, i ricchissimi musei archeologici rendono questa città un punto di partenza ideale, sospeso tra la cultura occidentale e quella araba: un melting pot di tradizioni e religioni in cui convivono musulmani, greci ortodossi, armeni, maroniti e cattolici.

Spostandosi sulla costa meridionale, il sito archeologico di Kourion, a picco sul mare, farà innamorare gli appassionati di storia. Poco lontano si trova il primo dei tre siti Patrimonio dell’Umanità: Pafos. Questa città, oggi nota anche come Kouklia, è famosa per il santuario dedicato ad Afrodite, per i suoi palazzi romani che conservano raffinatissimi mosaici del III secolo e per il meraviglioso teatro. La costa orientale offre spiagge bianchissime ricche d’insenature, un vero paradiso per gli amanti delle immersioni. Nel sud ovest, invece, la sabbia è generalmente più scura; ma qui si trovano alcune tra le spiagge più famose di tutto il Paese: Agia Thekla, Coral Bay, Phinikoudesal e la rinomata Aphrodite Beach.

Anche l’entroterra del sud è affascinante da percorrere: tra valli e foreste di cedri, si apre il Parco nazionale dei monti Trodoos. E’ qui che si trovano le “chiese dipinte”, un vero gioiello dell’arte bizantina, secondo sito Patrimonio dell’Umanità. Si tratta di nove chiese ed un monastero, la cui costruzione risale al periodo tra l’XI e il XVI secolo e le cui modeste facciate contrastano con la ricchezza degli interni, dove si possono ammirare alcuni dei più incantevoli affreschi bizantini e delle più belle icone del Mediterraneo.

Sempre nell’entroterra meridionale, si trova il terzo sito archeologico di Cipro dichiarato Patrimonio UNESCO, Choirokoitia. Risalente al Neolitico, il sito archeologico si trova nei pressi dell’omonimo villaggio, nel distretto di Larnaka, e rappresenta una delle più complete e antiche tracce della presenza umana del VII millennio a.C.. Choirokoitia era un villaggio chiuso, circondato da mura possenti alte tre metri e spesse due metri e mezzo. Vi si trovano resti di abitazioni e di sepolture: tutto lascia pensare a una società evoluta e molto ben organizzata, dedita alla coltivazione, all’allevamento e alla raccolta dei frutti spontanei.

Anche il nord di Cipro è permeato di storia, con i suoi siti paleocristiani di Ayios Philon e di Aphendrika e l’immenso sito archeologico di Salamina; ma è anche una meta ricercata da sub, trekker e da chi ama trascorrere le vacanze all’insegna del contatto con la natura selvaggia ed incontaminata. Qui il territorio ospita distese di ginepri ed ulivi spontanei, asini e pecore allo stato brado, spiagge dorate circondate da alte dune; e qui si trovano splendide spiagge, sconosciute e famose, come Nangomi, detta Golden Beach, immensa e solitaria…

Hotel per Cipro

Trova tariffe economiche | Confronta centinaia di alberghi lowcost