Mont Saint Michel

8 aprile 2016

L'isola-villaggio in balia delle maree

Situato tra la Bretagna e la Normandia, Mont Saint Michel è uno spettacolo di architettura e natura, che attira ogni anno milioni di visitatori.

L’antico borgo è arroccato su uno sperone roccioso circondato da una piana, che, quando sopraggiunge l’alta marea, rimane sommersa dalle acque, lasciando in superficie la sola striscia di terra che collega il villaggio alla terraferma. L’atmosfera è magica, al limite del fiabesco.

mont-saint-michel-abbazia
Sulla sommità del monte si erge l’abbazia, che domina la scena offrendo un esempio straordinario di architettura religiosa medievale.
La storia di Mont Saint Michel inizia nel 708, quando Aubert, vescovo d’Avranches ordina la costruzione sul Mont-Tombe di un piccolo santuario dedicato a San Michele, a ciò determinato da 3 apparizioni successive dell’arcangelo.

Nei secoli a venire, l’edificazione di chiese, bastioni, case e locande trasformano l’isola in un villaggio fortificato, che da meta di pellegrinaggio diventa fortezza inespugnabile, per essere utilizzata come carcere, nel periodo della Rivoluzione francese.

normandia-abbazia-benedettina

Oggi Mont Saint Michel costituisce una delle maggiori attrazioni della Francia, seconda per numero di visitatori alla sola Torre Eiffel.
Ad attrarre i turisti non è tanto l’abbazia, per quanto meravigliosa sia con la sua combinazione di elementi romanici e gotici, quanto piuttosto la spettacolarità delle maree, note per essere le più grandi dell’Europa continentale.
I dislivelli tra alta e bassa marea sono tali da trasformare in poco tempo il borgo in un’isola, per poi altrettanto velocemente riportarlo alla terraferma.

Tanti i pellegrini che in passato hanno perso la vita intrappolati tra le pericolose sabbie mobili che si formavano al momento del ritiro del mare. Nel 1879 fu infine costruita una diga per arginare gli accumuli di sabbia.

Nel corso degli anni, l’aumento della sedimentazione attorno al Monte, determinato anche da interventi umani ai piedi del bastione, ha rafforzato il collegamento con la terraferma.

Il rischio di deturpare il luogo meraviglioso ha spinto Europa e Francia a correrre ai ripari: nel 1995 sono iniziati gli studi e nel 2005 i lavori di ripristino del carattere marittimo di Mont Saint Michel, un’opera di restauro che è durata 10 lunghi anni. Pilastri del progetto una nuova diga costruita sul fiume Couesnon per respingere i sedimenti al largo, un nuovo parcheggio localizzato a 2,5 km dal villaggio ed un ponte-passerella, eretto in sostituzione della diga originaria, che consente di camminare sulle acque e di raggiungere l’isola dalla terraferma.

villaggio-mont-saint-michel

Trasformata in una penisola per più di un secolo, Mont Saint Michelle è tornata ad essere un’isola, anche se per poche ore.

Orde di visitatori non hanno resistito alla tentazione di godersi un evento davvero unico. Il 21 marzo 2015 è stato il giorno della grande “marea del secolo”: complice l’eclissi solare, il coefficiente di marea è arrivato a 119, con un innalzamento dell’acqua di oltre 14 metri. I presenti hanno avuto il privilegio di vedere l’isolotto completamente circondato dall’acqua. Simili fenomeni si verificano ogni 18 anni; per il prossimo spettacolo si dovrà attendere il 3 marzo 2033!

Hotel per Mont Saint Michel

Trova tariffe economiche | Confronta centinaia di alberghi lowcost